Fumare in allattamento: 5 danni per il bambino

Home/Notizie/Fumare in allattamento: 5 danni per il bambino

Fumare in allattamento: 5 danni per il bambino

Fumare in allattamento: 5 danni per il bambino

Fumare in allattamento, quali rischi si corrono?

L’allattamento è uno dei temi che alle mamma sta più a cuore approfondire.

Sappiamo già che il fumo in gravidanza è una terribile minaccia per i nostri figli, infatti, una ricerca ha dimostrato che il fumo, anche passivo per una donna in gravidanza, porta seri rischi.

Diverse mamme si sentono costrette a scegliere tra allattamento e fumo. Ma è proprio necessario fare questa scelta? proviamo ad approfondire.

Ti potrebbe anche interessare: La ragione numero 1 che spinge i bambini a fumare: un genitore che fuma

Fumare in allattamento: ecco cosa significa non smettere di fumare

Quali sono le cause del fumo sul bambino durante l’allattamento?

Quando nutrite al seno vostro figlio, anche se non è esposto direttamente al fumo di sigarette, fate comunque in modo che assorba la vostra nicotina tramite il latte materno.

La nicotina entra nella circolazione sanguigna diffondendosi nella produzione del latte, con una serie di cause, tra cui:

  • Diminuzione della quantità prodotta di latte materno;
  • Bassa quantità di grassi nel latte;
  • Aumento dei rischi respiratori nel neonato;
  • Rischio di infezioni, coliche, diarrea elevato;
  • Rischio sette volte maggiore di SIDS (morte in culla).

Visti i benefici impagabili dell’allattamento al seno, gli esperti hanno voluto far luce anche su questo aspetto, affinché  le mamme fumatrici che proprio non riescono a smettere, abbiano una maggiore consapevolezza per scegliere comunque di allattare.

 

Fumare in allattamento: gli effetti sulla mamma

Per quanto riguarda l’allattamento, il fumo diminuisce i livelli di prolattina nel sangue.

Uno studio suggerisce chiaramente che il fumo di sigaretta riduce significativamente la produzione di latte materno due settimane dopo il parto, da 514 millilitri al giorno in non fumatori, a 406 millilitri al giorno nelle madri fumatrici.

Se il latte diminuisce, il bambino non riceve più la giusta quantità di nutrienti che gli consente di crescere regolarmente.

Il fumo appunto, può diminuire la quantità di latte materno, influenzando sulla crescita del bambino e sulla sua capacità di combattere le infezioni.

I prodotti chimici del fumo diminuiscono le quantità di iodio e le vitamine che il latte materno contiene.

 

5 consigli per le mamme fumatrici che vogliono allattare

La dott.ssa Melissa Goist dell'”Ohio State university Wexner Medical Center afferma che: “Sebbene il fumo durante l’allattamento è fortemente sconsigliato, nonostante il fatto che fumiate, vi incoraggiamo ad allattare al seno.”

E’ comunque altamente raccomandato per una madre smettere di fumare.

  • Limitate a tre il numero delle sigarette fumate al giorno per fare in modo che i livelli di nicotina, tabacco e tossine presenti nel sangue e nel latte materno si mantengano bassi;
  • Ci vogliono 90 minuti circa per la metà della nicotina che avete assunto di lasciare il vostro sistema. Perciò, dopo aver fumato, attendete il più a lungo prima di allattare ancora, almeno 90 minuti.
  • Quando fumate, indossate una camicia apposita e copritevi i capelli. Dopo aver finito lavatevi le mani e il viso e cambiatevi gli indumenti. Questo serve per far in modo di ridurre l’esposizione del vostro bimbo.
  • Se fumate più sigarette, fatevi aiutare con i cerotti per ridurre il numero.

 

Smetti di fumare per te, ma soprattutto per il tuo bambino. E’ il momento di contattare Antismoking Vicenza per una consulenza gratuita e senza impegno.

La riflessologia auricolare è un metodo per smettere di fumare che consiste nello stimolare 25 punti del padiglione auricolare destro e 22 punti del padiglione auricolare sinistro tramite un elettrostimolatore.

Questo processo sui ricettori va toglie la causa della dipendenza fisica dal fumo: la nicotina.

Il micromassaggio effettuato dalle onde disgrega la patina dei veleni del tabacco accumulata attorno alle fibre nervose liberandolo istantaneamente dalla schiavitù del fumo, in soli 30 minuti, indolore e senza effetti collaterali.

Successivamente le tossine disgregate entrano nel circolo sanguigno per poi essere eliminate con le urine, la traspirazione ecc. permettendo una completa disintossicazione dell’organismo.

Per questo è diverso da ogni altro metodo: va ad interrompere quel ciclo vizioso nicotina-buon umore, che crea assuefazione e dipendenza.

Inoltre dà modo all’organismo di aumentare la produzione di endorfine necessarie per la compensazione della richiesta di nicotina.

La durata del trattamento e il tempo di stimolazione di ogni singolo punto, vengono elaborate dal microchip e dal software dell’apparecchiatura in base al numero di sigarette effettivamente fumate dall’individuo, alla sua età, ai risultati di un test spirometrico e agli anni di attività da fumatore.

In questo modo, attraverso questa sofisticata apparecchiatura, si riesce ad ottenere un trattamento personalizzato e quindi il massimo dell’efficacia.

 

Risultati Complessivi
Alla fine del trattamento A tre mesi A sei mesi
Positivi Nulli Positivi Nulli Positivi Nulli
93,3% 6,7% 92,6% 7,4% 91,9% 8,1%

 

 

Clicca sulla scatola per accedere al pacchetto online:

ACQUISTA SUBITO IL TRATTAMENTO PER SMETTERE DI FUMARE IN 20 MINUTI NEL TRATTAMENTO E’ COMPRESO:

  • 1 seduta Antismoking di 20 minuti per smettere di fumare
  • 4 sedute Antismoking GRATUITE in caso di ricaduta o per prevenzione (entro 6 mesi dal primo trattamento)
  • 1 integratore fitoterapico per promuovere il rilassamento e favorire il trattamento Antismoking

 

Smetti di fumare in 20 minuti!

 

Di |2020-06-30T12:15:31+02:0028 Settembre 2018|Notizie|0 Commenti

Scrivi un commento

Torna in cima