Smettere di fumare: 10 cose che succedono al tuo corpo

//Smettere di fumare: 10 cose che succedono al tuo corpo

Smettere di fumare: 10 cose che succedono al tuo corpo

Smettere di fumare: 10 cose che succedono al tuo corpo

In Italia, ci sono ben 11,7 milioni di fumatori, circa il 22,3% della popolazione. Smettere di fumare è essenziale per ridurre questa percentuale.

Vuoi sapere davvero cosa succede al nostro corpo quando smettiamo di fumare?

  • ENTRO 30 MINUTI: pulsazioni, pressione arteriosa e temperatura delle mani e piedi ritornano normali;
  • DOPO 8 ORE: nel sangue aumentano i livelli di ossigeno e scendono quelli di monossido di carbonio;
  • DOPO 24 ORE: i polmoni iniziano a ripulirsi dal muco e dai depositi lasciati dal fumo. Diminuisce il rischio d’infarto miocardico acuto;
  • DOPO 2 GIORNI: l’organismo è libero dalla nicotina, migliora gusto e olfatto;
  • DOPO 3 GIORNI: Si inizia a respirare meglio e si recupera l’energia. I bronchi si rilassano, il respiro è più facile e aumenta la capacità polmonare;
  • DA 2 SETTIMANE A 3 MESI: la capacità polmonare aumenta ulteriormente, migliora la circolazione sanguigna, si fa meno fatica a camminare e a svolgere l’attività fisica, pelle e capelli sono più luminosi, l’alito e l’odore migliorano;
  • DA 3 A 9 MESI: l’energia del corpo aumenta, migliora la respirazione mentre si riducono tosse, stanchezza, fiato corto, congestione rino-sinusale, migliorano i meccanismi di difesa dell’apparato respiratorio il quale filtra le particelle nocive inspirate con l’aria;
  • DOPO 1 ANNO: il rischio di malattie coronariche rispetto a chi fuma si dimezza;
  • DOPO 10 ANNI: il rischio di morire per tumore ai polmoni è pari a quello di un non fumatore, si riducono i rischi per tumore del cavo orale, laringe, pancreas, vescica, rene, esofago.
  • DOPO 15 ANNI: il rischio d’infarto è pari a quello di un non fumatore.

Smettere di fumare: hai paura di ingrassare?

Spesso si sente dire che chi smette di fumare inizia ad ingrassare. E’ vero, il rischio c’è ma non è un destino inevitabile.

La nicotina infatti ha un effetto anoressizzante, perciò, smettendo di fumare, si ha la possibilità di ingrassare un po’ perchè aumentano l’appetito e la fame nervosa, rallentando il metabolismo.

Smettere di fumare: secondo il DNA, c’è chi fa più fatica

Un test genetico è in grado di rilevare il rischio individuale di dipendenza e la difficoltà a smettere di fumare.

un semplice prelievo del sangue, può identificare i fumatori più “accaniti” e quindi personalizzare la cura secondo tali parametri.

Smettere di fumare con la riflessologia auricolare

La riflessologia auricolare è un metodo per smettere di fumare che consiste nello stimolare 25 punti del padiglione auricolare destro e 22 punti del padiglione auricolare sinistro tramite un elettrostimolatore.
Ogni punto stimolato corrisponde ad un determinato organo o parte del corpo.

Questo metodo per smettere di fumare toglie la causa della dipendenza fisica dal fumo: la nicotina. Il micromassaggio effettuato dalle onde sui padiglioni auricolari e il naso (punti riflessi del sistema nervoso) disgrega la patina dei veleni del tabacco accumulata attorno alle fibre nervose liberandolo istantaneamente dalla schiavitù del fumo, in soli 30 minuti, indolore e senza effetti collaterali. Successivamente le tossine disgregate entrano nel circolo sanguigno per poi essere eliminate con le urine, la traspirazione ecc. permettendo una completa disintossicazione dell’organismo.

La differenza tra questo metodo per smettere di fumare e la tradizionale agopuntura sta nel fatto che l’apparecchiatura pur determinando le stesse vibrazioni a livello epidermico dell’ago infisso, essa distingue a seconda dei precedenti parametri inseriti all’interno del Microchip diverse correnti, mai uguali tra di loro, dando modo all’organismo di aumentare la produzione di endorfine utili per la compensazione della richiesta di nicotina.

Antismocking Vicenza utilizza ELEKTROMERIDIAN KOBRA Brevettata

Contattaci per saperne di più:

By |2018-10-08T12:04:22+00:0008 ottobre 2018|Notizie|0 Commenti

Scrivi un commento